Espulso imam: “Violento verso infedeli”

Condividi!

Un marocchino è stato espulso oggi dal territorio nazionale “per motivi di sicurezza dello Stato”. Si tratta di un 35enne emerso all’attenzione delle forze di polizia nel corso della sua detenzione, dovuta a reati comuni, per aver assunto, nel carcere di Alessandria, la funzione di imam ruolo dal quale è stato poi estromesso a causa delle sue posizioni oltranziste e della sua condotta violenta manifestata nei confronti di altri appartenenti alla sua religione. L’uomo è stato anche segnalato per aver inneggiato all’autore dell’attentato compiuto a Nizza nel luglio del 2016.

VERIFICA LA NOTIZIA

Con questa espulsione, la ventisettesima del 2018, sono 264 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso allontanati dall’Italia con accompagnamento nel proprio Paese dall’1 gennaio 2015 ad oggi.

Il famoso estremismo ‘religioso’. Guai scrivere islamico. In tre anni hanno espulso 264 estremisti islamici, intanto ne sono sbarcati centinaia di migliaia.




Lascia un commento