Erdogan, il macellaio islamico: “Afrin cadrà stasera”

Condividi!

“Spero che Afrin cadrà completamente entro stasera”. Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, commentando l’assedio turco del centro dell’enclave curda nel nord della Siria, avviato nelle scorse ore dall’esercito di Ankara e dalle milizie turcomanne sue alleate.

Il sultano turco si è detto convinto che il corridoio nella parte orientale di Afrin, utilizzato finora dai curdi per il passaggio di militanti ma anche dai civili per fuggire dalla città assediata, verrà presto bloccato.

Al 54/mo giorno dell’operazione ‘Ramoscello d’ulivo’, ha aggiunto Erdogan, Ankara ha strappato ai curdi 1.300 km quadrati di territorio, “neutralizzando quasi 3.500 terroristi”, così l’islamista Erdogan definisce i resistenti curdi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Infine, il presidente turco ha ribadito l’intenzione di voler proseguire l’offensiva contro i curdi nel nord della Siria dopo Afrin, puntando prima a Manbij e poi alle zone sotto il controllo del Pyd a est dell’Eufrate, “fino al confine con il nord Iraq”.

Uno Stato facente parte della Nato che sta violando uno Stato sovrano.




Lascia un commento