Pamela, avvocati nigeriani chiedono scarcerazione: a breve decisione

Condividi!

Si è svolta l’udienza di riesame per due dei tre profughi nigeriani che hanno ucciso e fatto a pezzi Pamela. Il gip si è riservato di decidere, forse oggi si apprenderà la decisione del giudice.

Gli avvocati di Desmond Lucky e Lucky Awelima hanno incredibilmente chiesto la scarcerazione dei loro assistiti. In sostanza ritengono che verso i due giovani non ci siano i gravi indizi di colpevolezza. L’udienza si è svolta al tribunale di Ancona. Presente il pm Stefania Ciccioli che sta coordinando le indagini dei carabinieri insieme al procuratore Giovanni Giorgio. Il sostituto ha riepilogato i motivi per cui i due nigeriani devono rimanere in cella.

Desmond Lucky, difeso dall’avvocato Gianfranco Borgani, noto politico locale di sinistra, viene coinvolto dall’altro indagato, Innocent Oseghale, 27 anni (difeso dagli avvocati Simone Matraxia e Umberto Gramenzi), che ha detto che è stato lui a spacciare la dose di eroina a Pamela e perché il 30 gennaio il suo cellulare ha agganciato, nel periodo in cui è stato consumato il delitto, le celle che coprono di via Spalato 124, dove viveva Oseghale e dove la 18enne è stata uccisa.

Awelima invece viene coinvolto per i contatti telefonici con gli altri due indagati e perché anche il suo cellulare ha agganciato il 30 gennaio le celle telefoniche di via Spalato. Ulteriori elementi potranno arrivare dalle analisi dei Ris sui campioni prelevati sia nella casa di via Spalato 124 che durante l’autopsia. Da quanto fin qui emerso la ragazza è stata uccisa con almeno due coltellate al fegato.

VERIFICA LA NOTIZIA
Non osino liberarli.




Lascia un commento