Disoccupato morto di freddo a Milano, moglie accusa Sindaco: “La ritengo direttamente responsabile”

Condividi!

“La ritengo direttamente responsabile”, così l’ex moglie di Massimiliano, il disoccupato italiano senzatetto morto lo scorso 27 febbraio a Milano, accusa il sindaco Sala.

Ricordiamo:

Morto il primo italiano per il gelo, senza casa mentre i profughi sono in hotel

In una lettera inviata a diverse testate giornalistiche, Katia Ferrati accusa il sindaco di Milano per il trattamento riservato all’ex marito dopo il tragico decesso: “Sono la ex moglie di Massy, il clochard ritrovato senza vita in via Pisani il 27 febbraio scorso e Le scrivo per comunicarLe il mio rammarico e la mia delusione nei confronti del comune di Milano. Lei probabilmente non è al corrente di quanto accaduto, ma essendo a capo dell’istituzione, la ritengo direttamente RESPONSABILE“.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’ex moglie di Max, così lo chiamavano tutti, racconta al sindaco Sala di essere andata all’obitorio di piazzale Gorini, in zona Città Studi, subito dopo la notizia della morte. Lì ha espletato tutte le pratiche necessarie al funerale. Secondo un accordo preso, con tanto di documento che lo testimonierebbe, la vestizione del corpo sarebbe stata a carico del Comune. Katia consegna quindi i vestiti. Ma quando il 3 marzo torna in obitorio per l’ultimo saluto prima del funerale, rimane basita: “Con sgomento abbiamo constatato che non era stato ripulito, non era stato vestito ed era stato messo nella bara dentro al sacco di plastica nel quale era stato riposto al ritrovamento. Chiaramente era troppo tardi per poter fare qualcosa ed abbiamo dovuto accettare che venisse portato al suo funerale in quelle condizioni”. La rabbia della donna nasce anche, ma non solo ovviamente, dalle “bellissime dichiarazioni quando Massy è stato ritrovato, su quanto il Comune faccia per i senzatetto”. Katia precisa inoltre che nessuna istituzione ha il diritto di togliere la dignità a un uomo e, scrive ancora, non si aspetta una risposta dal primo cittadino.

Milano, troppi immigrati nei dormitori: italiani muoiono al gelo




Lascia un commento