Profughe bloccano treno, calci e sputi ai passeggeri

Condividi!

Due cosiddette profughe camerunensi – perché come sapete in Camerun c’è stata la guerra, nel 1800 – entrambe ospitate nei centri di accoglienza per fancazzisti, l’una a Palmoli (CH) e l’altra a Vasto, nella stazione di Vasto San Salvo sono salite su un treno senza biglietto. Normale, direte voi.

E normale anche che, una volta scoperte, siano rimaste sedute al loro posto, ignorando sprezzanti la richiesta del controllore di scendere. Quando poi, a fatica, hanno deciso di lasciare il posto a sedere, con fare decisamente molesto, si sono collocate sulla porta di uscita impedendone la chiusura e ostacolando la regolare partenza del treno.

A quel punto, il capotreno intervenuto ha cercato in tutti i modi di far ripartire il convoglio ma le donne, posizionandosi sulle porte di uscita, con fare molesto e con spintoni, insulti e sputi, hanno di fatto bloccato il treno nella stazione di Vasto – San Salvo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Disagio anche per i passeggeri costretti a subire, in snervante attesa, un ritardo di circa 30 minuti.

Su segnalazione pervenuta al 113, la pattuglia della Squadra Volante del Commissariato è intervenuta prontamente sul posto e, grazie all’intervento dei poliziotti, le donne sono state allontanate e la situazione è ritornata alla normalità.
Una volta condotte presso il Commissariato di P.S. di Vasto, sono state identificate per N.B.R.N. di anni 34 e M.M.C di anni 29 e denunciate per interruzione di pubblico servizio in concorso tra loro.




Lascia un commento