Sette clandestini tentano di uccidere uomo, massacrato

Condividi!

Sette clandestini (due algerini, un marocchino e quattro tunisini) sono stati fermati dalla Polizia a Brindisi con l’accusa di tentativo di omicidio di un 39enne.

L’aggressione risale al 28 febbraio scorso ed è avvenuta nel Centro di permanenza e di rimpatrio di Restinco, a Brindisi. Il provvedimento cautelare è stato emesso dalla Procura brindisina.

VERIFICA LA NOTIZIA
I fermati sono accusati di aver tentato di uccidere la vittima con l’aggravante della premeditazione, dall’aver agito con crudeltà e dall’aver commesso il fatto in quanto migranti irregolari. La vittima era stata colpita in più parti del corpo con calci e con diversi corpi contundenti, alcuni dei quali costituiti da saponette solide contenute in calzini di stoffa.




Un pensiero su “Sette clandestini tentano di uccidere uomo, massacrato”

Lascia un commento