I siti antibufala del PD ammettono di avere raccontato frottole

Condividi!

Ci scrivono:

Segnalo questa perla di BUTAC.IT – il sedicente sito antibufale – dove viene detto – cito testualmente: “Mi è stato fatto notare di come le cose che spiego qui sotto siano raccontate in maniera confusa, al punto da generare dubbi.”

Inoltre è interesante notare come BUTAC dia una versione dei fatti dicendo in parte il vero ma in parte un giudizio PERSONALE (entrando in confusione e costretto pure a dichiararlo) mentre la realtà è EVIDENTE nei link che seguono di testate giornalistiche ufficiali:

IL GIORNALE
http://www.ilgiornale.it/news/politica/kekistan-ecco-chi-ragazzo-che-finta-bandiera-neonazista-1500007.html

IL FATTO QUOTIDIANO
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/27/la-bandiera-neonazista-al-comizio-di-matteo-salvini-non-e-neonazi-e-il-sostenitore-della-lega-trolla-tutti/4190921/

Salvini aiutato dal Kekistan, lo Stato che non esiste

Il link di riferimento dell’articolo del BUTAC e focus del caso in allegato:
http://www.butac.it/il-kekistan-neonazista/

Se BUTAC, che si erge a paladino contro le “fake news”, ammette di essere impreciso e generare confusione … QUANTO PUO’ ESSERE EFFETTIVAMENTE UTILE E AFFIDABILE???

Penso sia il caso di farlo sapere alle persone.

Che Butac e il suo gemello venezuelano Bufale.it non siano affidabili è cosa nota:

https://voxnews.info/bufale/butac/

La faccenda del Kekistan, della quale abbiamo parlato, è solo una delle tante bufale – loro sì – che diffondono per conto dei sinistardi.




Lascia un commento