Danimarca: pene verranno raddoppiate per crimini immigrati

Condividi!

La situazione nelle banlieus francesi e nei sobborghi svedesi è ormai fuori controllo. Con gli immigrati che la fanno da padroni e hanno creato vere e proprie enclave criminali su base etnica.

In Danimarca la situazione è simile. Per questo il governo vuole prendere misure che evitino la situazione si incancrenisca.

Ecco allora l’idea di pene doppie per qualsiasi reato se sei un immigrato residente in una delle ventidue città-ghetto del regno. Lo ha deciso oggi il governo di centrodestra danese del premier Lars-Lokke Rasmussen.

L´esecutivo ha deciso che, a parità di reato, le pene per crimini come vandalismo o furto saranno raddoppiate se queste sono commesse in zone abitate da migranti oppure in quartieri ad alto tasso di disoccupazione. L´obiettivo che il governo dichiara di porsi è quello di “eliminiare l´esistenza e lo sviluppo di società parallele entro il 2030”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Anche se, chiaramente, l’unico modo è sgomberare queste no-go-zone rimandando a casa loro gli immigrati. Tutto il resto è solo palliativo, ma rende l’idea di dove porti lo ius soli. E di dove porterebbe, in Italia, una situazione di non governo dopo il 4 marzo.

Nel dicembre dell´anno scorso e poi di nuovo in gennaio, l´esecutivo aveva pubblicato una lista di 22 zone in cui la percentuale degli immigrati sul totale dei residenti è superiore al 50 per cento. In queste stesse zone, notavano i documenti governativi, il tasso di disoccupazione è particolarmente alto (mentre è bassissimo in media nel paese ritenuto la società piú felice del mondo e uno degli Stati che offre un welfare tra i più estesi e generosi) e insieme in quelle stesse zone il numero di condanne per reati penali è particolarmente alto e superiore alla media nazionale.

Il piano è appoggiato anche dal partito socialdemocratico danese, principale forza d´opposizione di sinistra, e dal Dansk Folkeparti, seconda forza politica del Paese e che appoggia il premier.

L’IDEA CRIMINALE, DIFFONDERLI INVECE DI RIMPATRIARLI
– In gennaio il governo aveva anche annunciato di voler varare una politica che tenda a sgoberare i quartieri-ghetto tentando di distribuire gli immigrati in tutto il paese per aumentare quello che definiscono l´incentivo-pressione a integrarsi nella società danese e nei suoi valori costitutivi. In realtà l’obiettivo è il meticciamento: che in Italia il PD porta avanti diffondendo i ‘profughi’ in condomini.




Lascia un commento