Sindaco Lega raddoppia tasse comunali a coop dei profughi

Condividi!

Presentato il piano finanziario 2018 della Tari (tassa sui rifiuti) per il Comune di Samarate: nel documento c’è una novità, il rincaro per le cooperative che nel territorio comunale gestiscono il business dell’accoglienza dei finti profughi. Sarà raddoppiata! I costi per le famiglie, invece, resteranno invariati o scenderanno.

VERIFICA LA NOTIZIA

Spiega il sindaco della Lega Leonardo Tarantino: «Dopo le verifiche effettuate dagli uffici verrà correttamente applicata alle cooperative che gestiscono i richiedenti asilo la tariffa relativa alle attività economiche e di accoglienza e non la tariffa relativa alle residenze di famiglia al fine di far corrispondere a una produzione di rifiuti elevata un giusto maggior costo con una Tari che in questi casi mediamente raddoppierà». Il piano finanziario 2018 è stato illustrato in commissione bilancio e dal documento emerge che per la Tari Samarate conferma un comportamento da comune virtuoso che riesce a contenere la tariffa applicata ai cittadini. In proposito fa rilevare l’assessore all’Ambiente Luca Macchi: «È confortante il confronto tra il costo complessivo del servizio pari a 1.522.000 euro, e il costo standard calcolato secondo i parametri ministeriali che ammonterebbe a 1.864.000 euro. Grazie al modello gestionale usato e alla percentuale di differenziata la nostra città spende quasi il 20% in meno dello standard stabilito»




Un pensiero su “Sindaco Lega raddoppia tasse comunali a coop dei profughi”

Lascia un commento