Sempre più immigrati alcolisti e dipendenti dal gioco

Condividi!

Alcolisti stranieri: in Italia ce ne sono sempre di più. Tra loro molti clandestini. E i costi salgono.

In Italia ci sono sempre più stranieri con problemi di alcolismo, è il quadro piuttosto allarmante dipinto dall’educatrice del reparto Alcologia dell’ospedale Santa Marta di Rivolta, Paola Ranalletti. Da anni si occupa dei casi che approdano alla struttura per sottoporsi alle cure del dottor Giorgio Cerizza.

«Si beve per disperazione, soprattutto se non c’è dietro una comunità strutturata con dei valori che facciano da deterrente – ha spiegato – Arrivano al Pronto soccorso degli ospedali, che prestano assistenza a tutti».

VERIFICA LA NOTIZIA

Di norma chi beve è però vittima anche di altre dipendenze. «Sempre più spesso siamo in presenza del binomio gioco d’azzardo patologico-alcol – ha osservato l’educatrice – Quando il giocatore si trova pieno di debiti si autoconsola con l’alcol».

«Molti pazienti dobbiamo trasferirli in comunità perché hanno bisogno di percorsi lunghissimi. Insomma, arrivano qui più facilmente ma in condizioni più gravi».




Lascia un commento