Agenti fermano islamici, e scoprono scena horror: poveri agnellini

Condividi!

Quindici agnellini vivi ma incaprettati e segregati nel retro di un furgone in condizioni igieniche disastrose. Una scena horror, allucinante, quella che gli agenti della polizia locale si sono trovati di fronte giovedì 22 febbraio. Sul mezzo due immigrati che li avevano caricati nel Reggiano per trasportarli nel Bresciano per macellarli secondo il rito islamico. Cioè sgozzarli vivi e farli morire lentamente, con dissanguamento doloroso e lento, goccia dopo goccia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Un episodio gravissimo, l’ennesimo, che dimostra come la piaga del maltrattamento islamico degli animali si alimenti di continuo grazie a immigrati senza scrupoli. La scoperta è stata casuale se si pensa che l’automezzo è stato notato dagli agenti in quanto aveva operato un sorpasso del tutto azzardato e pericoloso sul ponte del Po. Il furgone è stato fermato all’altezza di via Convento dove una pattuglia ha provveduto a identificare le due persone a bordo.

Il prossimo governo deve rendere illegale la macellazione halal.




Lascia un commento