Stupri Rimini: “Migranti erano iene intorno alla preda”

Condividi!

Per spiegare il comportamento predatorio dei tre minorenni africani e del profugo Guerlin Butungu “appare illuminante una espressione utilizzata dal transessuale, che ha riferito di aver rinunciato a qualsiasi resistenza avendo visto la loro aggressività e il fatto che erano tutti intorno a lei come iene su di una preda“.

Lo si legge nelle motivazioni del Tribunale dei Minorenni di Bologna, che l’8 febbraio ha condannato a 9 anni e 8 mesi, in rito abbreviato, i tre giovani stranieri accusati degli stupri di Rimini, la notte del 26 agosto.

VERIFICA LA NOTIZIA

Per il tribunale anche se il 20enne Butungu, “ha sicuramente avuto una influenza negativa sugli altri, questi non solo hanno scelto di seguirlo, ma soprattutto hanno continuato a farlo, dopo aver visto che non si andava solo a rapinare, ma anche violentare”. Nelle carte, inoltre, si sottolinea come i tre ragazzi abbiano sempre reso “dichiarazioni mendaci, autogiustificatorie, tra loro contraddittorie e sintomo di assoluta assenza di resipiscenza”.




Lascia un commento