PESTAGGIO MILITANTE FN, ECCO I MANDANTI: 17 ASSOCIAZIONI HANNO SOBILLATO TEPPISTI ROSSI

Condividi!

Questa sera il violento pestaggio di un giovane militante di Forza Nuova. Sequestrato per strada, legato e poi massacrato di botte da un gruppo di teppisti rossi. Poco prima, diciassette associazioni palermitane avevano chiesto di impedire con ogni mezzo il comizio del leader di Forza Nuova Roberto Fiore, previsto per sabato 24 febbraio.

Dal Forum antirazzista Palermo all’Arci, dall’Anpi alla comunità Emmaus, e ancora il coordinamento del Pride, il circolo Uaar e lo sportello Le migration. Il luogo in cui dovrebbe parlare il candidato alle elezioni nazionali come capo politico della lista Italia agli Italiani, però, resta ancora un mistero, forse alla luce delle manifestazioni di protesta avvenute già nei giorni scorsi. «Il punto non è comunque dove si svolgerà. Il punto è che non ci può essere spazio e luogo per una manifestazione simile a Palermo», facevano sapere in una nota le diciassette realtà dell’estremismo rosso.

VERIFICA LA NOTIZIA

Si inizia negando al ‘nemico’ la libertà di parola, si finisce per massacrarlo in strada. Non c’è un pericolo ‘fascismo’, c’è un pericolo, anzi una realtà, che si chiama: estrema sinistra. Fatta di teppisti rossi, spesso figli di magistrati e politici di centrosinistra, che vede nell’annichilimento del nemico politico un fine lodevole e giusto. Poi ascoltano cosa dice Boldrini, e si sentono legittimati a colpire.




Lascia un commento