Ong che ha ospitato macellaio di Pamela ha fatto sparire 11 milioni di euro



Condividi!

407 dipendenti e un bilancio da oltre venti milioni di euro. Questo è il Gus, una delle tante società a scopo di lucro nate dal business dell’accoglienza: la più importante del Maceratese. E una particolarità: gestiva i profughi che hanno fatto a pezzi Pamela.

E lo chiamano ‘volontariato’.

E che il Gruppo Umana Solidarietà non sia più una onlus, ma sia diventata una e vera e propria impresa che fa business con l’accoglienza dei migranti lo ha messo nero su bianco la Guardia di finanza. Con tanto di segnalazione in procura e all’Agenzia delle entrate per un’evasione milionaria.

Gli accertamenti della fiamme gialle, svolti tra il 2016 e il 2017 dopo un anomalo arrivo di pakistani a Macerata, hanno messo nel mirino i bilanci che vanno dal 2011 al 2015. Secondo i militari della tributaria l’associazione non avrebbe più i requisiti per essere definita, “non a scopo di lucro”. Quindi avrebbe dovuto versare l’Iva e pagare le tasse, come un’ azienda qualsiasi. In cinque anni, sarebbero poco meno di 11 i milioni di euro sottratti all’erario. Al momento si è nella seconda fase: quello dell’accertamento all’Agenzia delle entrate, una specie di contraddittorio tra le parti, dove l’associazione potrà smontare i rilievi della finanza. Tra le contestazioni anche quella secondo cui il presidente e il vice si sarebbero fatti pagare consulenze dall’associazione stessa. Ovviamente della questione è stata informata anche la procura, a cui è stata presentata una richiesta di sequestro per equivalente. Quindi vedremo se poi sarà effettivamente contestato il reato di evasione fiscale, oppure se e di quali altri reati dovranno rispondere i responsabili della onlus. Di sicuro c’è che il Gus è diventata negli anni una vera e propria “potenza” nel settore: gestisce progetti di accoglienza in una trentina di comuni in tutta Italia, per la maggior parte a guida centrosinistra, nelle Marche è la prima, anche per quanto riguarda i progetti delle prefetture. E il coordinatore nazionale è un big del Pd: dal 23 luglio scorso è il responsabile nazionale per le politiche del welfare. Mentre il presidente è Paolo Bernabucci.

Solo per quanto riguarda Macerata, il Comune con due delibere di giunta dell’ottobre scorso, si è fatto carico di proseguire per il triennio 2017-2019 due progetti Sprar (Sistema di protezione per profughi e richiedenti asilo) già avviati negli anni precedenti: “MaceratAccoglie” e “Mosaico”. Il primo è prettamente comunale e riguarda l’accoglienza di 65 profughi (50+15 posti aggiuntivi). Sul piatto ci sono poco più di 2,9 milioni di euro in tutto: 2,7 a carico del ministero e 150mila euro scarsi del Comune. L’altro invece era il progetto gestito dalla Provincia che ha deciso di non rinnovarlo a fine 2016. Ha chiesto di farsene carico sempre il comune di Macerata: prevede l’accoglienza di altri 45 profughi. Un totale di 110 persone da ospitare: il Ministero ha accolto entrambe le richieste e per la seconda sono disponibili 674.662 euro all’anno, più 33mila euro di cofinanziamento comunale. Per un totale di altri 2 milioni di euro e rotti. Entrambi sono gestiti sempre dal Gus. E nell’ultima variazione di bilancio il Comune ha aggiunto ulteriori 942mila euro allo Sprar. Questo senza considerare i progetti della prefettura.

Ovviamente essendo diventata una delle realtà più importanti in Italia, anche i bilanci sono cresciuti vorticosamente. Anzi, decuplicati. Si è passati dai 2,5 milioni di qualche anno fa agli oltre 20 del 2016, l’ultimo rendiconto pubblicato dall’associazione, senza dettagli però. Sono 17 invece i milioni di credito che l’associazione vanta dagli enti pubblici. Inoltre, secondo il dossier elaborato da Massimo Raparo, analista finanziario e Raffaele Pallotto, commercialista, su richiesta di Forza Italia, si sono immobili esposti nel 2013 in bilancio per 600mila euro, senza un fondo di ammortamento. Mentre nel 2014 compaiono un fabbricato e un terreno per 482mila euro con relativo fondo di ammortamento di un terzo. Evidenziate anche la voce Marchex, società privata che gestisce un circuito di scambi commerciali facente parte del gruppo Sardex: 30mila euro nel 2014 e 190mila nel 2015 riferiti rispettivamente a crediti e proventi. «Perchè il Gus partecipa ad attività prettamente commerciali?», avevano chiesto gli esperti.

VERIFICA LA NOTIZIA

E la liquidità? 455mila euro nel 2015 senza dettaglio, 1,7 milioni nel 2016, con 75mila euro in cassa. Le spese: nel 2014 1,5 milioni per vitto e abbigliamento, 100mila per ‘altro’, un milione per consulenze, rimborsi, donazioni in uscita, contributi straordinari, incontri, corsi e convegni. Mentre nel 2015 scompare dal bilancio la specifica relativa alle spese, i ricavi salgono a 18 milioni, gli oneri per assistenza sono 6,5 milioni, i costi del personale 4,5 milioni e la gestione degli immobili a 2,8 milioni. Il personale, l’altro punto. “Per l’attuazione dei propri fini statutari l’associazione si avvale in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali volontarie e gratuite dei propri associati salvo i casi di particolare necessità in cui può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo”. Nel 2016 però i dipendenti sono 407, con un fondo Tfr pari a 597.912,89. «Il Gus spende 220mila euro per dipendenti e consulenti, 20mila euro in più di quanto non faccia per locazioni, utenze, vitto, vestiario e cure sanitarie – aveva detto il consigliere di Forza Italia Andrea Marchiori – Le spese per l’integrazioni sono pari a quelle per il mantenimento dell’ufficio».

Ma, forse, il peggio l’hanno dato l’altro giorno. Quando hanno avuto l’ardire di partecipare, a Macerata, alla manifestazione di sostegno ai nigeriani:

Senza vergogna.

Lascia un commento