Italia: chiudono le chiese e aprono le moschee



Condividi!

Tra il 2012 e il 2016 è stata concessa personalità giuridica a 46 nuove parrocchie ed è stata tolta a 101: in 5 anni in Italia sono sparite 55 parrocchie, quasi tutte concentrate nell’ultimo anno, il 2016, quando ne sono state soppresse 40.

Le parrocchie chiudono perché gli italiani che vanno a messa sono sempre meno:

Effetto Bergoglio: è fuga dalle chiese, 80% italiani diserta messa domenicale

I grafici in queste pagine, realizzati dal sito di data journalism Truenumbers.it, mostra l’andamento del numero degli italiani che dichiarano, all’Istat, di andare in Chiesa almeno una volta la settimana, tipicamente la domenica per partecipare alla Messa:

Crollano le vocazioni. A ‘compensare’ il calo delle vocazioni in Occidente sono i seminaristi di origine africana, spesso in cerca di uno stipendio sicuro, che in questi anni sono aumentati del 21%.

E crolla il numero di pellegrini che si recano alle udienze papali. Nel grafico in queste pagine Truenumbers.it ha elaborato i dati ufficiali del Bollettino vaticano mettendo in relazione il numero delle udienze generali guidate dal Pontefice in carica con il numero di persone che vi partecipano. Da tener presente che il numero delle udienze generali è diverso di anno in anno e cambia da Papa a Papa. Per esempio: nel 2003 e 2004 San Giovanni Paolo II ha stabilito il record del numero di udienze per anno, 48, scese a 36 nel 2005, anno della sua morte e dell’inizio, il 19 aprile, del papato di Benedetto XVI. La media delle persone che partecipano alle udienze è in calo. Dopo il 2013, primo anno di pontificato di Francesco, con 40.751 persone per ogni udienza, si è scesi a 17.721 nel 2016.

Nel frattempo aumentano le moschee:

Lascia un commento