Profughi armati di coltello in condominio, mani e vestiti sporchi di sangue

Condividi!

Per l’omicidio è stato arrestato Nosa Igibinosa, 21 anni, nigeriano. Il giovane fermato era ancora nella struttura mentre i carabinieri e i medici del 118 provavano a rianimare la vittima. Era in cucina, in preda all’agitazione, aveva vestiti e mani sporche di sangue. Aveva appena accoltellato un altro ospite: pensate quanto ci pensano a sezionare noi a coltellate.

Coltellate mortali al torace e all’addome che non hanno lasciato scampo a Richard Amissah, 19 anni, ghanese, ucciso ieri notte all’interno del centro di accoglienza “Alle Sorgenti” in via Chiesa a Villacidro, a circa 50 chilometri da Cagliari.

CAGLIARI: PROFUGO UCCIDE A COLTELLATE UN RAGAZZO DI 19 ANNI

I militari della compagnia di Villacidro lo hanno subito portato in caserma e poi trasferito in carcere a Uta (Cagliari).

Gli investigatori hanno lavorato tutta la notte per ricostruire quanto accaduto nel centro di accoglienza, ricavato in due appartamenti in una palazzina.

VERIFICA LA NOTIZIA

Pensate: profughi armati di coltelli in condominio. E’ l’Italia del PD.




Lascia un commento