Migrante islamico: “Non è stupro perché bambina non era vergine”

Condividi!

Ahmed Abdoule, migrante somalo di 33 anni, fuggito dalla fame e dalla disperazione, ha stuprato una adolescente inglese in modo brutale. Prima l’ha trascinata dentro casa sua, poi l’ha scaraventata a terra e bloccata, coperto il volto con una maglia, perché nell’islam la femmina non ha volto, è un oggetto: e stuprata.

E mentre la stuprava, anche un pezzo di legno, le sussurrava eccitato che non era stupro, tanto non poteva essere vergine perché era una bianca.

E’ stato condannato a 11 anni di carcere.

VERIFICA LA NOTIZIA

Non esiste neanche, in arabo, una parola per il ‘volto’, il che definisce la totale mancanza di empatia e concetto dell’individuo che gli arabi hanno instillato nell’islam. E quando l’islam incontra la brutalità africana, abbiamo il peggio. E il peggio lo abbiamo importato.

Lascia un commento