Macerata, “Nigeriani coprono killer Pamela”

Condividi!

«Ho voluto dare un segnale a questa gente immigrata. Forse è vero che ho colpito a caso persone che potrebbero non essere spacciatori, ma sono convinto che tra loro si coprano. Coprono anche quelli che hanno ucciso e massacrato Pamela».

Quasi profetiche le parole di Luca Traini, alla luce degli eventi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Esattamente una settimana fa, Traini si è messo alla guida della sua Alfa 147 nera e si è diretto verso il centro del capoluogo di provincia marchigiano alla ricerca di uomini di colore, possibilmente spacciatori, da colpire, per vendicare la morte della ragazza romana con problemi di tossicodipendenza. Il ventottenne di Tolentino, finito in carcere con l’accusa di strage aggravata dall’odio razziale, martedì scorso ha scelto di sottoporsi ad alcune domande del pm Stefania Ciccioli. «Voglio precisare che in tutti i locali in cui ho sparato sono frequentati da spacciatori africani»




Lascia un commento