La Mafia Cinese non esiste per il tlibunale di Firenze: scarcerati 24 mafiosi, anche il boss

Condividi!

Tutti scarcerati dal tribunale del riesame i 24 cinesi finiti in cella il 18 gennaio scorso nell’ambito dell’inchiesta ‘China Truck’ della Dda di Firenze, e per cui il gip Alessandro Moneti aveva emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 33 persone. Alcuni scarcerati sono stati messi agli arresti domiciliari, altri hanno l’obbligo di firma. Secondo quanto risulta, il riesame ha valutato la mancanza di indizi gravi per le accuse di associazione a delinquere e di aver costituito un’organizzazione mafiosa dedita a usura, prostituzione, gioco d’azzardo, estorsioni, traffico di droga, anche attraverso un controllo ferreo dei rapporti all’interno della comunità cinese a Prato, con riflessi in Italia e in Europa. Scarcerato anche il boss supremo in Europa – secondo le accuse -, Zhang Naizong, il ‘capo dei capi’: va ai domiciliari e solo per l’accusa di usura. La procura antimafia di Firenze farà ricorso in Cassazione.

VERIFICA LA NOTIZIA

Magistlati.




Lascia un commento