Si può fare: Bermuda abolisce matrimoni gay

Condividi!

L’arcipelago delle Bermuda cancella i matrimoni omosessuali, per sostituirli con semplici unioni civili. Il governatore del territorio britannico d’oltremare, John Rankin, ha firmato la legge a riguardo che era stata approvata a grande maggioranza a dicembre da entrambi i rami del parlamento locale.

L’obiettivo, ha spiegato il governatore, è bilanciare l’opposizione ai matrimoni omosessuali, da un lato, e il rispetto dei pronunciamenti della Corte di giustizia dell’Ue che garantiscono protezione legale alle coppie dello stesso sesso.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il governo del Regno Unito si è detto “seriamente deluso” da questa legge, ha detto il portavoce della premier britannica Theresa May, James Slack, ma a suo dire non sarebbe stato corretto da parte del Regno Unito bloccare una legge “democraticamente votata dal parlamento di Bermuda”.

Quando c’è da difendere un ‘progresso’, ecco che viene buona anche la UE e le manette delle sue corti.

Comunque sia: è la dimostrazione che dagli errori si può tornare indietro. Soprattutto se, come avvenuto in Italia, sono stati imposti da un governo non eletto.




Lascia un commento