Centraline in fiamme, campo nomadi senza corrente: task force per assistere abusivi

Condividi!

Prima l’incendio alle centraline elettriche poi lo stop all’erogazione dell’energia. Notte al freddo per gli ospiti della baraccopoli di Castel Romano, a cui nel corso della notte sono state fornite coperte in attesa dell’arrivo del generatore di corrente previsto per questa mattina. I fatti hanno cominciato a prendere corpo passata da poco la mezzanotte, quando le fiamme hanno distrutto due centraline elettriche che alimentano il campo rom di Spinaceto. Nessuno è rimasto ferito

In particolare, dopo il divampare dell’incendio, poi spento dai vigili del fuoco. I tecnici della società dell’energia elettrica hanno dovuto interrompere l’erogazione della corrente al campo rom anche dalla terza e ultima centralina che alimenta la baraccopoli. Rimasti al freddo, gli ospiti dell’insediamento della via Pontina hanno ricevuto l’assistenza dapprima degli agenti del IX Gruppo Eur presenti in presidio fisso nell’area della baraccopoli.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli abitanti della baraccopoli sono quindi stati assistiti nella notte, oltre che dai vigili urbani, anche dagli assistenti della sala sociale e dagli uomini della protezione civile, che hanno fornito loro diverse coperte. In attesa della riparazione del guasto la corrente verrà erogata mediante un camion generatore.

Tutto per clienti che pagano le bollette.




Lascia un commento