Macerata, Salvini: «Il sangue versato si poteva evitare»

Condividi!

«I fatti di Macerata non alterano la campagna elettorale, che l’immigrazione incontrollata sia un problema era evidente da anni e che sia una delle mie priorità al governo è altrettanto evidente da anni, mi spiace perché è stato sparso del sangue che ci saremmo potuti risparmiare».

Così Matteo Salvini a Civitanova, dove è stato accolto da centinaia di cittadini. E su Luca Traini, già candidato della Lega, dice: «Non me lo ricordo, oggi faccio le foto con centinaia di persone, saranno sicuramente perbene, ma non posso ricordarmele tutte».




Lascia un commento