Commissario UE immigrazione sotto inchiesta per corruzione

Condividi!

L’invio del fascicolo d’inchiesta su gravissimi casi di corruzione dalla procura della Corte suprema di Atene al Parlamento greco, che coinvolgerebbero dieci tra ex premier e ministri greci e la casa farmaceutica Novartis, ha generato una spirale di dichiarazioni e polemiche sia all’intero dell’opinione pubblica nazionale che a livello europeo. E promette di terremotare anche la Commissione europea.

UE studia come aumentare ingresso migranti

VERIFICA LA NOTIZIA

Tra i nomi contenuti nel fascicolo d’inchiesta, infatti, c’è anche quello dell’attuale commissario Ue per le Migrazioni gli affari interni e la cittadinanza, Dimitris Avramopoulos, che nel periodo 2006-2009 ricopriva in Grecia l’incarico di ministro della Sanita’ e dalla Solidarieta’ sociale, sotto il governo guidato dall’allora premier di Nuova democrazia (Nd) Kostas Karamanlis. Avramopoulos ha esortato oggi le autorita’ locali a fare luce sul quello che ha definito “il presunto scandalo di tangenti” – che lo riguarda direttamente – sottolineando che le accuse contro di lui sono “politicamente motivate”. Insomma, Avramopoulos invosa il famigerato “fumus persecutionis” tanto caro agli onorevoli corrotti italiani, e cioè la tesi che i giudici ce l’hanno con lui per ragioni politiche e non perchè hanno prove tonanti che è un corrotto.




Lascia un commento