Profughi sequestrano operatore a Pisa, arrestati

Condividi!

Si tratta di tre giovani richiedenti asilo, di età compresa fra i 20 e i 27 anni, arrestati dai carabinieri della compagnia di Pontedera per sequestro di persona e violenza privata in concorso. Futuri smembratori di ragazzine.

La protesta è stata messa in atto dai fancazzisti africani in fuga dalla guerra in Siria al Brichotel, nel pisano, nel tardo pomeriggio di lunedì per i soliti demenziali motivi.

I tre giovani stranieri, provenienti da Guinea-Bissau, Mali e Costa d’Avorio, hanno sequestrato all’interno del Brichotel, un collaboratore della cooperativa di 41 anni, minacciando di non rilasciarlo finché non fossero stati forniti loro i documenti richiesti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sul posto sono intervenuti sia i militari che il titolare della struttura che gestisce anche lo spazio Tinaia di Cascina, quello che il sindaco leghista Ceccardi vuole chiudere ma non può perché comanda il prefetto.

Una volta liberato il sequestrato, i carabinieri hanno trasferito i tre delinquenti in caserma e li hanno trattenuti in camera di sicurezza in attesa del giudizio con rito direttissimo. Ma non li espelleranno, fino a che non sarà esaminata la richiesta di Asilo. Funziona così.




Lascia un commento