Salvini sfida Boldrini: “Sinistra evoca le BR”

Condividi!

“Sto raccattando molti insulti – dice Matteo Salvini ospite di Omnibus su La7 -. Parlare di Salvini come ‘cattivo maestro’, porta alle Brigate Rosse. Starei attento a usare queste parole. Rievocare quel tempo non è intelligente, meglio connettere la testa con la bocca”.

Il leader della Lega risponde anche a chi gli chiede di abbassare i toni: “Toni più bassi dei miei…”. E insiste: “Sono io che sto raccattando insulti”.

“Mi vergogno che l’Italia ospiti il rappresentante di un regime estremista sanguinario, di un Paese islamico nei fatti, dove la religione comanda sulla legge”, dice poi a proposito della visita del presidente turco Erdogan a Roma. “Domani si vota la nostra mozione contro l’ingresso della Turchia in Ue”.

Quanto alla possibilità di un confronto con Laura Boldrini: “Molto volentieri, gliel’ho chiesto più di una volta. Sono talmente convinto della bontà delle mie idee che mi confronto con chiunque e ovunque”.

“Da Calenda solo sciocchezze, non rispondo a insulti di uno che dovrebbe fare il ministro”. Risponde così, Salvini, al responsabile dello Sviluppo economico che oggi, in un’intervista al
Corriere della Sera, ha definito il leader leghista “incostituzionale”.

Su un tema spesso affrontato dalla Lega, l’abolizione della Legge Fornero, Salvini ribadisce: “Si torna a quota cento tra contributi versati e età anagrafica, e non si supera quota 41 anni”.




Lascia un commento