Prato, arriva la grande moschea: per donne ingresso separato

Condividi!

Di cosa aveva bisogno Prato, città che nel giro del prossimo decennio vedrà, se non facciamo qualcosa, una maggioranza non italiana? Ma di una moschea, ovvio.

L’atto formale è stato firmato e ora la nuova moschea di Prato, in piazza del Mercato nuovo, è più vicina. Da mercoledì l’associazione islamica “La Speranza” – composta dai fuoriusciti dal centro di preghiera di vicolo dei Gherardacci – è ufficialmente proprietaria dell’immenso capannone di piazza del Mercato Nuovo, angolo via Bresci, che un tempo ospitava l’ex Calamai. Il rogito è stato definito di fronte al notaio Giuseppe Mattera tra i vecchi proprietari e una decina di rappresentanti dell’associazione tra cui il nuovo presidente, Ezzenati Abderrahmane, arrivato dopo che Abdelmoula Mazigh – che si è occupato della trattativa per l’acquisto dell’immobile da circa 930 metri quadrati – ha dato le dimissioni per “motivi tecnici”, come da lui spiegato alla Nazione.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il rogito è arrivato un anno e mezzo dopo il compromesso con cui l’associazione islamica si era impegnata ad acquistare l’immobile a fronte di una caparra di 60mila euro. Costo totale dell’operazione: 460mila euro che l’associazione La Speranza ha raccolto tra i fedeli in un anno e mezzo racimolando i soldi a fine di ogni preghiera, anche cinquemila euro al colpo.

A sollevare polemiche – all’epoca del compromesso – fu il progetto presentato dall’associazione che prevedeva la costruzione di un minareto alto cinque metri, dal quale il muezzin chiama i fedeli alla preghiera.

Il progetto di massima è ancora oggi il solito del 2016. La moschea occuperà tutti i 930 metri quadrati del capannone con due ingressi, due stanze di preghiera (divise fra uomini e donne), un banco alimentare, una scuola di arabo e una madrassa per l’insegnamento del Corano ai bambini.




Lascia un commento