Macerata, Forza Nuova: “Sostegno legale a Luca Traini”



Condividi!

“Sarà politicamente scorretto, sarà sconveniente, in campagna elettorale nessuno farà un passo avanti, ma oggi noi ci schieriamo con Luca Traini“. Il messaggio che arriva da Forza Nuova è chiarissimo: pieno sostegno al vendicatore di Pamela che ha sparato sugli africani a Macerata, ferendone sei.

“Questo succede quando i cittadini si sentono soli e traditi, quando il popolo vive nel terrore e lo Stato pensa solo a reprimere i patrioti e a difendere gli interessi dell’immigrazione – hanno fatto sapere gli esponenti di estrema destra – Mettiamo a disposizione i nostri riferimenti per pagare le spese legali di Luca, a non farlo sentire solo e a non abbandonarlo”.

“Già ci immaginiamo le condanne dell’ANPI, degli antifascisti vari e di chi serve la causa della sostituzione etnica – si legge nella nota – Già sentiamo lo sdegno dei palazzi e dei salotti tv. Noi invece – è la conclusione del comunicato – abbiamo nelle orecchie il pianto straziato della famiglia di Pamela e il grido di rabbia di un’Italia che vuole reagire e non morire d’immigrazione”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Condanna, invece, Casa Pound: “Il gesto dello squilibrato che a Macerata ha aperto il fuoco sugli stranieri va condannato senza esitazioni, si tratta di un atto criminale per cui non ci sono giustificazioni”, dice Luca Iannone, presidente di CasaPound Italia, secondo cui “l’immigrazione incontrollata resta un problema grave, a cui tuttavia va data una risposta politica e nel quadro della legge. Invitiamo la sinistra a non strumentalizzare la vicenda di Macerata – ha detto – che peraltro nei giorni scorsi è stata teatro di una terribile tragedia legata proprio al mondo dell’immigrazione. Affermiamo altresì che il responsabile della sparatoria di Macerata non è tra i tesserati di CasaPound, come qualcuno ha affermato, e che il movimento si tutelerà legalmente contro ogni illazione in questo senso”.

Per Saviano, ovviamente: “Salvini è mandante morale di Traini”. E lui dello smembramento di Pamela, allora.

Lascia un commento