“Stato apre una tabaccheria per farla gestire a profughi”, non è così

Condividi!

Diversi giornali locali liguri e alcuni nazionali, pubblicano questa notizia:

Ventimiglia – I Monopoli di Stato si “inventano” una nuova tabaccheria, per darla in gestione ai profughi già titolari di licenza nel Paese di origine, i quali hanno un trattamento “privilegiato”, rispetto a categorie di italiani come invalidi di guerra, vedove o mutilati.

Qualcuno, in città, parla già di discriminazione nei confronti degli italiani, ritenendo che fosse più opportuno un bando destinato esclusivamente ai profughi, senza creare i classici “figli e figliastri”.

Il bando parla chiaro. Che si tratti di una nuova attività lo conferma l’intestazione dell’avviso di concorso, nel punto in cui è scritto: “Rivendita ordinaria di generi di Monopolio di nuova istituzione”. Ma non è tutto. La nuova tabaccheria dovrà, per forza, sorgere nel “quartiere” dei migranti, in un qualsiasi locale (che rispetti, naturalmente, i requisiti indicati), situato tra i numeri civici 22 e 501 di via Tenda, proprio di fronte al greto del fiume Roja.

Tre le categorie di aspiranti partecipanti. Partiamo dalla A: “Profughi già intestatari di rivendita di generi di monopolio nel territorio di provenienza, ovvero, in caso di decesso del profugo, coniuge o uno dei figli…”. Quindi, c’è la B: “Invalidi di guerra, vedove di guerra e categorie equiparate per legge”. E la C: “Decorati al valor militare, altri profughi, militari e invalidi del lavoro, con riduzione della capacità lavorativa non inferiore al 40 per cento, vedove dei caduti sul lavoro”. A far supporre un trattamento privilegiato per i profughi è il punto successivo, in cui si sottolinea che: “Le persone appartenenti alla categoria a) sono preferite a quelle appartenenti alla categoria b). Entrambe sono preferite a quelle appartenenti alla categoria c)”.

Il vincitore del concorso verrà nominato gerente provvisorio della nuova rivendita e dovrà sottostare a un periodo sperimentale di un triennio, trascorso il quale, a seconda dei risultati conseguiti, la rivendita potrà essere definitivamente istituita. Il bando è stato pubblicato all’Albo Pretorio del Comune di Ventimiglia e le domande dovranno essere presentate entro il prossimo 8 marzo.

In realtà si tratta di un equivoco in cui sono caduti i giornalisti. Infatti la legge citata nel bando dei monopoli di stato (L.763 del 1981) parla sì di profughi, ma fa riferimento agli italiani che risiedevano nelle colonie in Libia, Eritrea, Etiopia e Somalia. Eppure anche con una lettura sommaria, l’elenco dei paesi di provenienza poteva far sorgere qualche dubbio, così come l’articolo successivo della citata legge che parla di «profughi dai territori sui quali è cessata la sovranità dello stato italiano».




Lascia un commento