Assalto algerino in Sardegna: ne sbarcano 115 in poche ore

Condividi!

Aumenta il numero di migranti partiti dal Nord Africa e sbarcati tra ieri e oggi lungo le coste della Sardegna. Sono 14 gli algerini arrivati durante la notte a Teulada, nel Sulcis, mentre un altro barchino con a bordo altri 8 algerini, tra i quali un minorenne, è stato intercettato e soccorso dalle motovedette della Guardia di finanza al largo dell’isola del Toro, sempre sulle costa sud occidentale della Sardegna.

La Guardia di finanza invece ha intercettato due barchini con a bordo 35 algerini a Sant’Antioco. Il Centro Locale di Coordinamento Frontex di Cagliari ha ricevuto notizia circa la presenza di alcuni piccoli natanti in legno con migranti a bordo in viaggio verso la Sardegna a circa 8 miglia dall’isola del Toro. L’equipaggio del Pattugliatore PV7 Paolini, comandato dal tenente Gabriele Cusato ha raggiunto subito le imbarcazioni. A bordo c’erano 35 migranti, tra i quali una giovane donna con la figlia di soli sette mesi, e gli altri tutti maschi in età giovanile, di nazionalità algerina, provenienti dalla città di Annaba. Gli stranieri sono stati soccorsi e portati a Sant’Antioco dove, con il supporto dei militari del Reparto operativo aeronavale delle Fiamme gialle, sono stati identificati e trasferiti al centro di accoglienza di Monastir.

Contemporaneamente altri sbarchi sono avvenuti nella zona di Teulada, arrivati altri 11 algerini. Altri 43 invece sono stati soccorsi al largo di Sant’Antioco dalla Guardia costiera. Ieri ne erano arrivati altri 4. Complessivamente tra ieri e oggi sono arrivati 114 migranti. Altri sbarchi potrebbero avvenire nelle prossime ore, viste le favorevoli condizioni del mare. Le coste sono costantemente pattugliate dalle forze dell’ordine e dalla Guardia costiera.

VERIFICA LA NOTIZIA

Intanto, secondo il “Guardian online”, l’Interpol ha fatto circolare una lista coi 50 nomi di sospetti foreign fighters tunisini dell’Isis che sarebbero arrivati di recente in Italia, tra luglio ed ottobre 2017 a bordo di barche da pesca o di piccole imbarcazioni, e che potrebbero raggiungere altri Paesi europei. Lista che sarebbe nelle mani, dal 29 novembre, del Ministero dell’Interno italiano. Ma il Viminale ha, ovviamente, smentito la notizia.

“Chiediamo un rimpatrio immediato degli stranieri arrivati in Sardegna – ha aggiunto Paolo Truzzu, consigliere regionale di FdI – Dopo le elezioni del 4 marzo, quando Fratelli d’Italia sarà al governo, uno dei primi atti sarà la sigla di un serio accordo con l’Algeria affinché blocchi alla partenza i barconi diretti verso le nostre coste”.

Lascia un commento