Migrante è infetto, giudice costretto a indossare i guanti durante udienza

Condividi!

Un’udienza di convalida come altre che ha avuto un finale inaspettato, quando l’agente di polizia che scortava una nigeriana arrestata in stazione per spaccio dice al magistrato: «Si metta i guanti per firmare il verbale perché la detenuta ha la scabbia».

La giudice dell’indagine preliminare non la prende bene e si ritira per la decisione, come da prassi. Ma decide di scrivere due lettere per denunciare l’episodio: al presidente dei Gip e al presidente del Tribunale.

La prassi è che le informazioni sui detenuti che soffrano di malattie devono essere dati all’inizio dell’udienza e non, come sarebbe avvenuto giovedì 25 gennaio, alla fine. Insomma, finché infettano gli italiani su bus e treni, va bene, e se protesti è ‘razzismo’, ma i magistrati no, cazzo.

VERIFICA LA NOTIZIA

La detenuta, nello specifico arrivava dal carcere femminile della Giudecca a Venezia. Il problema delle malattie trasmissibili, non solo la scabbia ma anche la tubercolosi era già stata denunciata dai sindacati di polizia, soprattutto nei momenti di maggior afflusso di migranti in questura.

Due agenti avevano contratto la scabbia e alcuni colleghi del Reparto mobile di Padova risultarono positivi al test cutaneo della tubercolina (Mantoux) che prova il contatto con persone




Lascia un commento