Senzatetto muore di freddo, vescovo offre 25 appartamenti a finti profughi

Condividi!

Scandaloso. La diocesi metterà a disposizione 25 alloggi per ospitare richiedenti asilo che oggi sono alloggiati presso il capo della Protezione Civile di Marco, Rovereto. Questo l’annuncio del vescovo di Trento Lauro Tisi al termine della visita, che si è tenuta oggi.

TRENTO: PROFUGO MOLESTA 2 BAMBINE IN 7 GIORNI, RINCORSE FINO CASA

“E’ una situazione che ci interpella e ci chiede di trovare soluzioni – ha detto il vescovo intervistato a radio Trentino In Blu (clicca qui per ascoltare l’intervista) – l’appello è alle comunità, meglio parlar poco e muoversi, tutti, a partire da me”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Sono qui oggi a nome di tutti i preti che hanno aperto le loro canoniche – ha detto Tisi – Certo, quattordici persone in un container è una situazione che parla da sola, così non va. Ci sono però tante altre problematiche esistenziali olte il disagio, ripeto: è una situazione che ci interpella tutti, dobbiamo tutti quanti chiederci cosa si possa fare”.

E così i fancazzisti africani in fuga dalla guerra in Siria avranno i loro appartamenti:

Trento, Profughi si barricano: “Vogliamo i nostri appartamenti”

Intanto, nei giorni scorsi, un senzatetto di 42 anni è stato trovato morto nel garage di un supermercato a Rovereto, in Trentino. Una residente l’ha trovato esanime sotto due coperte, senza nemmeno un materasso o dei cartoni a cercare di limitare l’impatto delle basse temperature. Ha chiamato il 118 ma i sanitari non hanno potuto che constatare il decesso.

Insomma, 25 case per i finti profughi africani perché c’è la guerra in Siria. E invece muoiono i senzatetto di freddo.




Lascia un commento