Profugo minorenne attacca volontarie, arrestato per violenza sessuale



Condividi!

Sottoposto dai Carabinieri a fermo il giovane di 17 anni del Gambia ospite di un centro di accoglienza per minori richiedenti asilo nel Marsalese, accusato di violenza sessuale. Il provvedimento è stato emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Palermo.

F.C., in più occasioni, ha dimostrato un “eccessivo interesse” nei confronti di alcune educatrici che prestano servizio nella comunità.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nello specifico, il provvedimento di fermo scaturisce da un’attività di indagine condotta dai militari della Stazione Carabinieri di Petrosino avviata dalla denuncia delle due donne, stanche delle continue esplicite avances dell’ospite della struttura. Con il passare dei giorni, infatti, l’atteggiamento dell’ospite è diventato sempre più pressante e inopportuno fino a sfociare in una vera e propria violenza sessuale. Il giovane, infatti, dopo aver aperto la cerniera dei pantaloni, si è denudato davanti alle operatrici e, nel vano tentativo di avere un approccio sessuale con queste, in due distinte occasioni, ha cercato di palpeggiare e baciare le due donne, incredule e terrorizzate per quanto stava accadendo.

Questi sono i ‘bambini’ non accompagnati secondo le Ong, il PD e i vari preti spretati. Che forse sperano di assistere a queste scene de visu.

Il giovane fancazzista, al termine delle formalità di rito, è stato condotto a Palermo presso l’istituto penale per minori “Malaspina” a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Lascia un commento