Perse le tracce di 160 mila finti profughi: spariti nel nulla

Condividi!

Le commissioni territoriali incaricate di concedere la protezione internazionale nel 2017 hanno detto no a sei richiedenti su dieci, dimezzando il riconoscimento alla protezione sussidiaria, che esiste solo in Italia ed è stata inventata dal PD per non espellere i clandestini.

Sono stati 46.176, nel 2017, i richiedenti che si sono visti rifiutare un qualsiasi tipo di asilo, il 61 per cento, mentre il 25 per cento ha ottenuto il permesso umanitario, una sorta di permesso temporaneo in attesa di espulsione che non avviene, e solo l’8 per cento il vero e proprio status di rifugiato con un altro 7 per cento la protezione sussidiaria ( nel 2015 e nel 2016 il dato era al 14 per cento)

VERIFICA LA NOTIZIA

Impossibile sapere quanti dei 46.176 richiedenti asilo che alla fine si sono visti negare il permesso dalle prefetture siano rimasti in Italia e quanti, invece, abbiano provato o siano riusciti, da clandestini, a raggiungere altri paesi europei.

E’ un piccolo esercito di invasori: sono 140.000 negli ultimi tre anni, il 60 per cento dei clandestini traghettati dalla Libia.

Insomma, del quasi 1 milione che ci hanno scaricato da quando governano, solo l’8 per cento è un presunto profugo. Ma lo scoprono solo dopo che sono stati anni in hotel a a spese nostre. E poi li mollano sul territorio: a delinquere.




Lascia un commento