Ius Soli, 80 per cento firme italiane online contro legge



Condividi!

Sette mesi fa Michela Monferrini lanciò una petizione in appoggio allo Ius Soli su change.org. Un “appello al Parlamento” per dare la cittadinanza ai figli degli immigrati. Tra i firmatari una serie di intellettuali d’alto bordo come Dacia Maraini e Roberto Saviano: “Siamo un gruppo di scrittori, registi, docenti universitari, attori e autori teatrali, musicisti, traduttori, professionisti della creatività e dell’editoria. Siamo italiani e italiane. E siamo feriti dall’atteggiamento di chi in questi giorni vuole negare ai figli di migranti nati e cresciuti in questo Paese il diritto di essere cittadini”, si legge nel testo della petizione. “Ci pare evidente – concludono gli illuminati redattori – che non approvare questa legge significherebbe invece negare non solo un diritto, ma la realtà di un Paese. Ci appelliamo ai senatori e alle senatrici affinché non temano la forza dei diritti e facciano presto una scelta di civiltà che vada al di là delle appartenenze politiche”.

Firme raccolte: 74.300.

Ma su change.org, c’è anche una petizione contro lo ius soli, che si aggiunge al quasi milione di firme raccolto da Lega e altri movimenti populisti come FdI, CasaPound e Forza Nuova. L’ha lanciata Filippo Sciortino, senza intellettuali d’alto bordo. Al momento in cui scriviamo ha raccolto 308.224 firme.

Il rapporto di oltre 4 a 1. Sul totale i contrari allo ius soli sono l’80 per cento, in linea con i sondaggi.

Lascia un commento