Governo chiude punti nascita, donna partorisce in ambulatorio



Condividi!

Mamma in preda alle doglie partorisce nello studio del ginecologo. L’ospedale più vicino, quello di Isernia, era troppo lontano. E’ avvenuto all’una di notte a Castel di Sangro. Tre ore prima il ginecologo Elviro Saltarelli, aveva ricevuto la prima telefonata della giovane madre. Il piccolo, Gabriele, 3 chili e 790 grammi, ultimo di quattro fratelli, ha sorpreso tutti.

La mamma, che vive a Barrea, era in viaggio verso Castel di Sangro, con dolori fortissimi. “Aveva le doglie, ho capito che non era possibile affrontare il viaggio fino a Sulmona, né a Isernia», racconta il dottore, “allora le ho detto di venire subito nel mio studio”. Neanche il tempo di una visita e il piccolo Gabriele è venuto alla luce, all’una e trenta della notte, nello studio privato.

VERIFICA LA NOTIZIA

Poi il ginecologo ha accompagnato con la sua automobile, il piccolo, la mamma, la nonna e il papà all’ospedale di Isernia, per i consueti controlli post-parto.

«La paziente», prosegue il medico sangrino, «è contentissima, mi ha ringraziato più volte per quello che ho fatto. La nostra è una zona disagiata, non abbiamo più un’ostetrica di riferimento sul nostro territorio: un problema, questo, che andrebbe affrontato nelle sedi opportune».

Ma di questo Lorenzin se ne fotte. Vaccinare!

A parte gli scherzi: vaccinare è giusto, il fanatismo per i vaccini è sbagliato.

PD chiude punto nascite, bimbo italiano muore

Soldi a zingari, immigrati e africani in fuga dalla guerra in Siria. Navi con reparti neonatali piazzate davanti alla Libia per far partorire le nigeriane incinte. E i bambini italiani nascono morti.

Navi Marina trasformate in Nursery dell’invasione: tagli a sale parto in Italia – FOTO CHOC

Questo è il governo del PD. Questo è il governo dello ius soli. Da sbranare.



Lascia un commento