Boldrini: “Denuncio Salvini, il più lontano da me”

Condividi!

“Salvini parla di sostituzione etnica? Io non sono d’accordo, ma quello che accade per i temi migratori è dovuto alla legge che hanno voluto loro con la legge Bossi-Fini, per non parlare anche del reato di clandestinità”.

Parola di Laura Boldrini, che dimentica che la legga sull’immigrazione non si applica a chi traghetti dalla Libia camuffato da profugo.

La Boldrini ribadisce:”In Italia c’è la Bossi-Fini e a me non piace, ma c’è quella legge e quella va rispettata. Chi entra irregolarmente non può restare sul territorio. Io darei dei permessi a chi cerca lavoro”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Beh, geniale. Già così siamo invasi da clandestini, ci manca anche di dare il permesso a qualcuno non perché lavora, ma perché promette di cercarlo. E fanculo all’11 per cento di disoccupati italiani: in realtà di più, visto che ISTAT include chi lavora 1 ora la settimana negli occupati.

Poi torna ad attaccare Salvini: “La distanza tra me e lui è abissale. La paura, la sopraffazione sono la sua cifra e lui è un simpatico signore che ha paragonato la terza carica dello Stato ad una bambola gonfiabile: non escludo di denunciarlo”.




Lascia un commento