Musulmano tampona auto e se ne va: «Tanto alla guida c’era una donna»



Condividi!

Sbatte contro un’auto, si ferma a controllare e poi riparte. Perché alla guida c’era una donna, quindi un ‘oggetto’ di nessun valore.

È stato rintracciato e sanzionato il tunisino 27enne che nel tardo pomeriggio di ieri si è reso protagonista di una fuga ma soprattutto di una mancanza di rispetto nei confronti della donna, una signora di Mondolfo che ha chiamato i vigili.

Il giovane, un tunisino residente a Senigallia, classe 1990 ma ancora 27enne, è stato accompagnato presso il Comando della polizia municipale. Gli è stato contestato l’articolo 189 del Codice della strada che stabilisce come comportarsi in caso di incidenti. Lui era fuggito. Nel parcheggio erano presenti dei testimoni che hanno confermato ai vigili come si erano svolti i fatti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Inizialmente il ragazzo, accortosi di essere andato addosso alla macchina, era sceso per verificare. Era pronto a scusarsi e prendersi le sue responsabilità poi però ha visto che si trattava di una donna. Dopo essersi rivolto a lei in maniera ‘islamica’, è risalito e se n’è andato convinto che all’automobilista, in quanto donna, non dovesse alcuna spiegazione. Questo hanno riferito i testimoni alle pattuglie e conferme le hanno avute i vigili anche nell’atteggiamento del musulmano che, anche con loro, ha minimizzato l’accaduto sottolineando che la proprietaria dell’auto era appunto una donna. Lo ha rimarcato in maniera denigratoria anche in loro presenza.



Lascia un commento