I vescovi: “Accogliere i migranti paga”, in contanti

Condividi!

I vescovi bergogliani si preparano al voto del 4 marzo: «Occorre un sussulto di onestà, realismo e umiltà da parte di coloro che chiedono il nostro voto» ha detto il segretario generale della Cei, il vulcanico Nunzio Galantino, commentando la campagna elettorale: «Il popolo italiano ha la capacità di distinguere chi vende fumo da chi vuole invece rimettere in cammino il Paese», ha aggiunto mentre illustrava le iniziative della Chiesa per la prossima giornata mondiale del migrante che si celebrerà domenica e mentre presentava il nuovo programma di Tv2000, ‘Italiani anche noi’.

Loro non vendono fumo, non ne hanno bisogno. Semmai lo comprano, come dimostrano alcuni arresti fuori dalle mura vaticane.

Galantino si è rammaricato che «dalla politica il tema delle migrazioni e’ ridotto al massimo a merce elettorale e che non vi sia un punto di vista sereno». Poi ha smontato un luogo comune: «non e’ vero che la Chiesa sia isolata nella sua difesa dell’accoglienza dei migranti e profughi che altri vogliono respingere indietro e non è vero che questo tema non paga». Ma chi ha mai detto che il tema ‘non paga’, rende più della droga, e la Chiesa se la scozza con le Coop e la ‘ndrangheta su chi incassa di più con l’accoglienza dei giovani maschi africani, che poi loro utilizzano anche in altre attività.

Vescovo Negri contro Islam: “Immigrazione è distruttiva”

Galantino tiene a farci sapere che i soldi sottratti ai bisognosi italiani e messi a disposizione dei profughi aumentano di anno in anno.

VERIFICA LA NOTIZIA

«A me – ha raccontato – l’hanno detto chiaro: ’lascia perdere, la gente su questo tema non vi segue’. Invece non e’ cosi’. Con buona pace di chi dice che il tema paga poco, io osservo al contrario che se c’e’ un segnale e’ nella direzione opposta, basterebbe guardare andamento delle offerte per la Campagna liberi di partire liberi di tornare, che sono in aumento costante. Se questi sono i dati vogliamo farcene una ragione che si tratta di un agire evangelico».

Infine sul voto del 4 marzo: «gli elettori italiani sapranno distinguere i venditori di fumo. E valuteranno sui criteri dell’onesta’, del realismo e dell’umilta’».

Se lo valuteranno, che Dio ti aiuti.



Lascia un commento