Lombardia, via Maroni per “motivi personali”: candidato Lega è Fontana



Condividi!

“Confermo che non mi ricandiderò, una decisione che ho preso in piena autonomia, una scelta personale, che ho condiviso con Salvini e Berlusconi tempo fa”.

Lo ha detto Roberto Maroni, aggiungendo: “Non andrò in pensione” ma “sono naturalmente a disposizione” per il futuro. “Conosco – ha aggiunto – la responsabilità di governo e ho una sola preoccupazione: che la possano assumere persone come Di Maio, che è una Raggi al cubo. Se va al governo lui, l’Italia rischia di diventare “Spelacchio””. Le posizioni che Matteo Salvini ha preso “possono essere discusse e discutibili, ma tutte le decisioni del mio segretario le accetto per principio: la mia decisione nulla ha a che fare con Salvini, discordanze o dissidi. Salvini premier è una prospettiva che condivido e sostengo”, ha proseguito Maroni.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’ex sindaco di Varese Attilio Fontana sarebbe “assolutamente” adatto a fare il presidente della Lombardia al posto di Roberto Maroni. Il segretario della Lega Matteo Salvini lo ha assicurato ai microfoni di 6 su Radio 1 spiegando che il suo nome “è un’ipotesi”. “Si tratta di proseguire il buon lavoro di questi venti anni. Quindi le scelte personali sono scelte personali. Le rispetto, ci mancherebbe altro ma – ha aggiunto – il nostro dovere è garantire a 10 milioni di lombardi quello che abbiamo garantito in termini di tassazione più bassa”.



Lascia un commento