“Cani sono impuri”, avvelenamenti di massa in quartieri islamici



Condividi!

Quando si parla di scontro di civiltà, non dovete pensare (solo) ad epiche battaglie e bombe che esplodono nella metro. Tanti piccoli scontri quotidiani fanno il grande Scontro di civiltà in atto

La proprietaria di un cane di 54 anni a Vienna è stata aggredita davanti al cancello del suo giardino da una donna somala, musulmana. Il cane l’aveva avvicinata. Ingrid T. a seguito di una complicata frattura al ginocchio ha ora una protesi.

“Gli animali sono impuri”, disse la donna somala durante l’attacco violento.

Ingrid T. chiacchierava con un vicino al cancello del giardino. Uno dei suoi cani si sedette accanto a lei, l’altro andò verso la casa dei suoi genitori. Quando una giovane donna velata si avvicinò, provò riprendersi il cane. Sapeva che ai musulmani non piacciono i cani. Nulla da fare: la furia islamica era già partita. Tre uomini dovettero strappare la donna somala dalla donna viennese. Si dice che il marito della somala abbia detto: “Non vogliamo cani impuri”.

In realtà, ci sono regole chiare per la proprietà dei cani nell’Islam. Ad esempio, i cani in casa e il contatto con la saliva del cane sono completamente tabù. I musulmani che vanno in preghiera e vengono a contatto con un cane devono ripetere il lavaggio rituale.

I conflitti sono quindi inevitabili. Nelle città di molti paesi con un’alta quota musulmana, incidenti simili e di altro tipo si verificano sempre più frequentemente.

Ad esempio, a Manchester, dove le famiglie hanno ricevuto un volantino che chiedeva che i cani venissero banditi da luoghi pubblici per rispetto verso i musulmani. O in un parco di Londra dove i poster dicevano: “Questa è zona islamica ora. Non portare il tuo cane qui! Ai musulmani non piacciono i cani!”

Quando, dopo l’attacco terroristico islamico del 2005, i passeggeri sono stati perquisiti da cani da rilevamento, i musulmani si sono rifiutati. Alla polizia è stato ordinato di eseguire controlli “culturalmente sensibili” .

Autisti e tassisti musulmani rifiutano di portare cani di ogni tipo, compresi i cani guida dei ciechi. A Minneapolis, dove tre quarti dei tassisti sono somali, questo è un problema. Preferiscono rinunciare al lavoro piuttosto che portare i cani in macchina. Nelle grandi città del Canada, ci sono incidenti simili ogni giorno.

In Francia, Regno Unito e Svezia segnalano spesso avvelenamenti di massa di cani in quartieri con un’alta percentuale di musulmani .

Nella città spagnola di Lerida, i proprietari di cani sono accompagnati da pattuglie civiche mentre portano i loro animali in giro, visto che la polizia è rimasta inattiva dopo gli attacchi di musulmani contro i proprietari di cani e in seguito ad un avvelenamento di massa di cani.

VERIFICA LA NOTIZIA

I musulmani chiedono il divieto degli animali nei luoghi pubblici e negli autobus in molte zone dove sono presenti.



Lascia un commento