Bambino soffocato a morte, arrestato padre macedone

Condividi!

E’ in stato di fermo indiziato di delitto il 25enne disoccupato macedone: ha ucciso, soffocandolo o strozzandolo a mani nude, il figlioletto di 5 anni a Cupramontana (Ancona).

La famiglia (un altro bambino e la madre, incinta di un terzo figlio, oltre ad altri parenti, tra cui il padre del 25enne) non era seguita dai servizi sociali del Comune, perché – dice il sindaco Luigi Cerioni – non aveva chiesto assistenza. Come se fosse compito nostro sollazzare i pazzi macedoni che si riproducono come conigli.

Secondo gli investigatori il fatto sarebbe avvenuto nell’auto del padre, il piccolo sarebbe poi stato trasportato in casa con l’intervento di alcuni familiari che abitano nello stesso caseggiato e che avrebbero chiamato il 118.

I sanitari intervenuti sul luogo hanno cercato di rianimarlo per oltre mezz’ora, ma invano. In casa c’era anche la madre, 24enne e incinta, in un tale stato di choc da rendere necessario il ricovero all’ospedale Carlo Urbani di Jesi. Sul corpo del piccolo non c’erano tracce di sangue, né segni immediatamente visibili di violenza, poi invece riscontrati sul collo dal medico legale.

VERIFICA LA NOTIZIA
Cosa ci fa, in Italia, un macedone disoccupato?




Lascia un commento