Islamica velata sfida Putin per corsa a Cremlino

Condividi!

Vladimir Putin stravincerà le elezioni presidenziali russe previste per il prossimo marzo, ma tra chi ha deciso di presentare la propria candidatura alla presidenza c’è anche Aina Gamzatova, la prima donna musulmana a entrare in gara per il Cremlino.

La 46enne gestisce “la più grande holding mediatica musulmana della Russia – Islam.ru – tra cui televisione, radio e carta stampata”, scrive Al Jazeera.

È anche moglie e consigliera del muftì del Daghestan, una delle repubbliche islamiche della Federazione Russia, incuneata tra il Mar Caspio, la Cecenia e la Georgia.

Ovviamente ha zero speranze di vincere, ma potrebbe ricevere la maggioranza dei voti in Daghestan e, forse, più in generale, dal Caucaso del Nord, la zona a maggioranza islamica dello sconfinato territorio russo. Il che metterebbe in luce il problema islamico interno alla Russia.

E’ un problema che crescerà e con il quale i russi, prima o poi, dovranno fare i conti in modo probabilmente ‘definitivo’. Già oggi Mosca ha un’ampia popolazione islamica, retaggio dell’Urss.




Lascia un commento