Orrore a Roma: Immigrato irrompe in sala parto e violenta donna in travaglio

Condividi!

Ormai siamo oltre il grottesco. A Roma, un immigrato somalo, dopo aver superato ogni tipo di controllo, ha fatto irruzione in sala parto e ha tentato di violentare una donna in pieno travaglio. Riuscendoci in parte: è stata palpeggiata e molestata in modo violento.

Il cittadino somalo di 38 anni che, in un magazzino dell’ospedale Sant’Eugenio ha rubato l’uniforme verde da infermiere e dopo essere riuscito ad entrare in sala parto ha tentato di violentare una donna di 43 anni. L’uomo è stato arrestato dagli agenti del commissariato Esposizione lo scorso il 31 dicembre con l’accusa di violenza sessuale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Oggi i giudici della quinta sezione penale di Roma hanno convalidato l’arresto e disposto la misura della custodia cautelare in carcere. L’autore della violenza, in Italia da alcuni anni e con diversi precedenti, è entrato in sala parto mentre la donna era in pieno travaglio per partorire. L’ha palpeggiata e ha iniziato a masturbarsi facendo scattare la reazione della donna che ha iniziato ad urlare facendo intervenire gli infermieri e un medico che hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine.

Bergoglio ossessionato: “Non spegniamo la speranza dei migranti”

La difesa del somalo chiederà la perizia psichiatrica. Il processo per violenza sessuale è fissato per il 10 gennaio.

Presto ci vorrà la scorta anche per partorire. Loro sono tra noi.




Lascia un commento