Profughi picchiano carabinieri, giudice li condanna a farsi mantenere



Condividi!

Violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Sono queste le accuse con cui sono stati arrestati due profughi ospiti della cooperativa Versoprobo a Novara. E sono stati condannati ad essere mantenuti.

I fatti risalgono a ieri pomeriggio. Alla stazione Trenord di Inverigo i due immigrati nigerini, H. E., 24 anni e S. I., 25 anni, si rifiutano di esibire il biglietto prima di salire sul treno 756 tra Milano e Asso. Intorno alle 17 scatta la lite. Il controllore alla fine è stato costretto a sopprimere il treno. Nemmeno la presenza dei vigili urbani ha permesso di sedare la foga dei due migranti e il diverbio con l’operatore di Trenord, così è dovuta intervenire la radiomobile dei carabinieri di Cantù.

VERIFICA LA NOTIZIA

I due richiedenti asilo, portati in caserma, hanno aggredito i carabinieri. Il processo per direttissima di fronte al Tribunale di Como ha deliberato il rinvio a giudizio a febbraio, ma i due migranti hanno guadagnato un obbligo di dimora a spese dei contribuenti Non potranno dunque uscire dalla struttura di accoglienza che li ospita a Tornaco. Condannati a farsi mantenere.



Lascia un commento