Comune PD consegna bambina a “2 mamme”

Condividi!

Trascritto l’atto di nascita estero di un bambino con due mamme, senza l’intervento del Tribunale. E’ avvenuto in Toscana, in un Comune della Maremma, e a darne notizia è l’avvocato Cathy La Torre dell’associazione Gay Lex che ha assistito la coppia. Si tratta di due donne sposate da anni all’estero e del loro bimbo di 6 mesi.

La vicenda, che va considerata ‘apripista’ in Italia, vede comunque alcuni precedenti simili. Come un caso avvenuto a Napoli nel 2015, dove l’atto di nascita di un bambino figlio di due donne sposate in Spagna, fu prima trascritto dall’anagrafe, poi annullato dalla Prefettura e poi nuovamente trascritto a seguito di un contenzioso su disposizione del tribunale. O il caso avvenuto a Roma, sempre nel 2015, dove fu trascritto l’atto di nascita di un bambino figlio di due donne e nato in Argentina. Diverse sono poi le sentenze che si sono occupate del riconoscimento dei figli di coppie omosessuali e della trascrizione dei relativi atti di nascita.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il prossimo governo deve chiudere le piste a questi pervertiti (e ci riferiamo a chi pretende di negare ai bambini una mamma e un papà in nome del proprio egoismo) che vogliono sconvolgere l’ordine naturale delle cose: non esistono bambini con ‘due mamme’, esistono bambini sottratti ad uno dei genitori per rapimento o acquisto. Entrambi illegali in Italia, come illegale è l’ennesimo scempio di un sindaco PD.

Il prossimo governo scriva una legge chiara nero su bianco che impone il carcere per chi acquista bambini all’estero. E vogliamo i senatori del PD che l’hanno fatto in carcere. Insieme al noto ladro di bambini.




Lascia un commento