Almeno 11 miliziani Isis sono rientrati in Italia, vengono ‘monitorati’



Condividi!

Sono rientrati in Italia dai territori di guerra undici foreign fighters, e’ così che i media di distrazione di massa definiscono i figli degli immigrati islamici andati a combattere in Siria con ISIS.

Ma tranquilli: sono ‘costantemente monitorati’. Una rete che la polizia tiene sotto controllo e che potrebbe essere utile per ottenere informazioni sui contatti con il mondo dell’Isis in tutta Europa. Ma il numero dei soldati legati al nostro Paese e partiti per unirsi all’esercito del Califfato è molto superiore: si parla di 129 persone, collegate all’Italia o aventi cittadinanza italiana.

VERIFICA LA NOTIZIA

Di questi 42 sono morti combattendo mentre 23 sono tornati in Europa. Nel monitoraggio dell’intelligence sulle undici persone situate nel territorio nazionale, rientra anche la foreign fighter marocchina arrestata a Malpensa poco prima di Natale. La donna, 36enne naturalizzata italiana, sarà estradata, secondo quanto deciso dalla Corte d’Appello di Milano.

Pensate ad un Paese come la Francia, dove grazie allo ius soli i ‘ritornati’ sono, non poche decine, ma migliaia. Pensate cosa sarebbe l’Italia se il PD non sparisce alle prossime elezioni. Una situazione incontrollabile con attentati quasi quotidiani, come in Francia, spesso spacciati per ‘opera di squilibrati’.



Lascia un commento