Scacchi, campionessa che boicotta mondiali in Arabia: “Sharia incompatibile con donne”

Condividi!

“Credo che un torneo come i mondiali, un torneo ai massimi livelli, non si dovrebbe svolgere in un paese del genere. Come si sa, l’Arabia Saudita è un paese musulmano dove è in vigore la shari’a. E in base a questo, ci sono molte restrizioni e violazioni dei diritti umani, specialmente delle donne”. Così la campionessa mondiale di scacchi Anna Muzychuk, è tornata in una intervista sul suo rifiuto a partecipare ai campionati di Riad. “E’ stato difficile, ma credo che ognuno debba prendere le proprie decisioni. Io l’ho presa. Che sia giusta o meno, ci sarà sicuramente chi mi appoggia e chi mi condanna. Ma ormai ho deciso, e me ne assumo la responsabilità”




Lascia un commento