Il barcone dei clandestini “rispedito” in Africa

Condividi!

Il barcone dei clandestini rispedito in Africa. E’ questo il senso dell’azione ai “danni” del presepe alternativo allestito a Seregno in Abbazia San Benedetto, dal Gruppo $olidarietà Africa, in particolare dal presidente Paolo Viganò e dal figlio Francesco.

La Natività riprodotta su un barcone di legno in mezzo al mare. Ormai un ‘must’ dei fanatici dell’accoglienza. Un barcone con i personaggi di stoffa che rappresentano i clandestini intorno alla Sacra famiglia, che sembra in ostaggio. Sul fondo la riproduzione di un deserto, con le palme, i cammelli e una tenda.

VERIFICA LA NOTIZIA

E qui arriva la beffa. Qualcuno, senza farsi vedere, mentre l’Abbazia era aperta per la vigilia di Natale, ha girato la prua della barca verso l’Africa. Geniale.

I patrioti non vandalizzano. Protestano in modo intelligente. Beffardo.




Lascia un commento