Pistole, coltelli, lotta corpo a corpo: Caritas prepara così gli operatori dei centri profughi – VIDEO

Condividi!

Un corso di sopravvivenza in situazioni ‘estreme’, passamontagna e lotta corpo a corpo, armi in mano e simulazioni di sparatorie e aggressioni. Un corso da 22 mila euro che la Caritas bolzanina ha pagato ad una società di esperti nel settore militare per istruire i propri operatori a contatto con profughi e richiedenti asilo.

Ecco la mission della Copsiaf: “Creazione di un modello di intervento integrato e mirato per gli appartenenti alle Forze dell’Ordine coinvolti in conflitti a fuoco o che hanno tenuto sotto puntamento qualcuno, esperienza quest’ultima altrettanto forte emotivamente”. Ma “questo modello”, spiegano, “è declinabile non solo in ambito militare ma anche in contesti civili”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Interessante. Carita$ spende 22 mila euro per addestrare i propri operatori alla lotta corpo a corpo stile reparti speciali. Tutto questo, per ‘trattare’ con i richiedenti asilo. Forse c’è sfuggito qualcosa.




Lascia un commento