Rivolta social contro Unicef, valanga di insulti: scatta censura

Condividi!

“Per ragioni di igiene. Uno strumento ideato per ben altri scopi era diventato una cloaca di odio e di insulti contrapposti”. L’Unicef ha risposto così a chi chiedeva lumi sull’impossibilità di scrivere recensioni sulla pagina Facebook dell’ente. La mancata discussione e conseguente morte dello ius soli in Senato, ha infatti mandato letteralmente fuori di testa l’organo dell’Onu, che adesso non consente più di scrivere recensioni agli utenti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Perché gli utenti hanno compreso con chi hanno a che fare: un organo anti-italiano che vuole la destrutturazione sociale dell’Italia attraverso l’immigrazione.

Idiota e Fascista: Unicef attacca così chi è contro lo ius soli

Unicef millanta di “offrire assistenza umanitaria per i bambini e le loro madri in tutto il mondo, in particolare nei paesi in via di sviluppo”. Non vi fate fregare, la preoccupazione principale dei rappresentanti Unicef è ben altra: trasferire l’Africa in Italia.




Lascia un commento